Domenica 23 dicembre 2012 – programma

Domenica 23 dicembre 2012, ore 16:00
Modena, Chiesa di Gesù Redentore

CONCERTO DI NATALE


F. Schubert
 (1797-1828)                Die Nacht, op.17 n.4, D983c                                                                                                               Stabat Mater D175                                                                                                                               Deutsche Messe D872:                                                                                                                              - Zum Eingang                                                                                                                                      - Zum Gloria                                                                                                                                          - Zum Evangelium und Credo                                                                                                            - Zum Offertorium                                                                                                                              - Zum Sanctus                                                                                                                                      - Nach der Wandlung                                                                                                                          - Zum Agnus Dei                                                                                                                                  - Schlussgesang                                                                                                                                    - Anhang: Das gebet des Herrn

F. Mendelssohn (1809-1847)       O for the wings of a dove                                                                                                                      Hark! The Herald Angel sing

I. Berlin (1888-1989) /                    White Christmas                                                                 elab. F. Saguatti

F. W. Kritzinger (1890-1947)       Süsser die Glocken nie klingen

J. Wade (1711-1786)                         Adeste Fideles

A. Adam (1803-1856)                      Oh Holy night

A. M. de’ Liguori (1696-1787)       Tu scendi dalle stelle


CORALE “G. PUCCINI”
 di Sassuolo
YORIKO OKAI, soprano
SIMONE GUAITOLI, organo
FRANCESCO SAGUATTI, direttore
ENSEMBLE STRUMENTALE “CITTÀ DI SASSUOLO”:
Dorotea PeruzziAlessandra Marra, clarinetti
Sara FerrariChiara Telleri, oboi
Michele Modesto GadioliAnna Vittoria Zanardi, fagotti
Andrea PedrazziGianmarco Malagoli, trombe
Giuseppe ZeccaFabio VecchiMassimiliano Marchitiello, tromboni
Pasquale RealeEmiliano Frondi, corni
Enrico Tassinari, arpa
Elisa Sala, timpani


Note al programma
, a cura di Simone Guaitoli:

Lo stato dei rapporti tra papato e potere politico nell’impero austro-ungarico di fine ’700 era quantomeno problematico: l’imperatore Giuseppe II si era fatto promotore di istanze riformatrici (che complessivamente vengono definite con il termine “giuseppinismo”) tese a limitare l’influenza papale nei territori asburgici. Oltre alla chiusura di quasi 700 conventi e al ridimensionamento delle immunità ecclesiali, una delle conseguenze (liturgiche e, in secondo luogo, musicali) di tale fervore riformatore fu l’utilizzo dell’idioma tedesco nella musica religiosa, che portò per la prima volta nel 1777 Franz von Kohlbrenner a scrivere una raccolta di canti sacri concependo il rito liturgico come Singmesse, cioè come Messa cantata dai fedeli. Dovendo favorire la partecipazione dell’assemblea, oltre all’abbandono del latino in favore della lingua nazionale, musicalmente si adottò la strategia di sfrondare la scrittura di qualsiasi complicazione contrappuntistica prediligendo uno stile omoritmico, un’armonia quanto più possibile lineare e adottando la struttura strofica tipica degli inni. Tutti i compositori che si cimentarono con la Singmesse (da Michael Haydn a Leopold Mozart a Franz Xaver Gruber) seguono sostanzialmente questa impostazione e non fa eccezione nemmeno Schubert con la sua Deutsche Messe D872, terminata nel 1827, l’anno precedente la morte del compositore.
Il lavoro venne commissionato da Johann Philipp Neumann, l’autore del testo (“librettista” quanto meno sui generis, trattandosi di un docente del Politecnico di Vienna) ed è strutturato in 8 pannelli (che non sempre corrispondono alle sezioni tradizionali della Messa, da un punto di vista liturgico) più un’appendice (Anhang: Das Gebet des Herrn – La Preghiera del Signore) che inizialmente non era prevista (e la cui esecuzione è quindi da considerarsi ad libitum). Seguendo la tradizione settecentesca delle Harmoniemusik , Schubert orchestra la Messa rinunciando all’intera sezione degli archi ed affidandosi quindi solo a organo, fiati e percussioni e concepisce un impianto armonico secondo il quale gli 8 momenti, tranne i due brani centrali, si corrispondono simmetricamente (quindi il 1° ha la stessa tonalità d’impianto dell’8°, il 2° del 7°, il 3° del 6°); l’unica significativa eccezione è rappresentata proprio dall’Appendice, il solo brano quasi totalmente in tonalità minore che, collocato in posizione finale, conferisce inaspettatamente alla Messa una velatura significativa di tensione e di ambiguità. Lo stile vocale rispetta da una parte la stroficità innodica del corale luterano e della tradizione popolare (in sostanza, le varie strofe vengono intonate sulla stessa linea melodica) e dall’altra il rigore e la severità polifonica tipicamente teutonici, addolciti però da una morbidezza sonora e da una sensibilità prettamente schubertiane.

Se la Deutsche Messe appartiene alla produzione pienamente matura di Schubert, loStabat Mater D175 è un’opera assolutamente giovanile: venne scritto in 3 giorni quando il compositore aveva 18 anni e, pur essendo un lavoro perfettamente compiuto, per certi versi rappresenta uno stadio preparatorio in prospettiva di una tappa più ambiziosa. Schubert lo concepì infatti come brano puramente corale, senza solisti, e musicò solo le prime quattro strofe del testo di Jacopone da Todi; l’anno successivo (nel 1816, quindi) riaffrontò la sequenza dello Stabat Mater ma questa volta nella sua stesura integrale (anche se utilizzando la versione poetica in tedesco approntata da Klopstock), prevedendo, oltre al coro, anche la presenza di 3 solisti e realizzando così un lavoro monumentale lungo quasi 40 minuti (si tratta dell’opera catalogata come D383). Lo Stabat D175 , che viene proposto nel concerto odierno, pur nelle dimensioni ridotte e nell’impostazione concisa e pregnante, emerge in tutto il suo fatalismo grazie all’arditezza cromatica dell’armonia, al vibrante patetismo della linea melodica e soprattutto della timbrica scura ottenuta da Schubert sostituendo i corni con i tromboni ed escludendo dall’organico orchestrale sia i flauti che le trombe.
Completa e anzi introduce la prima parte monografica del concerto il corale schubertianoDie Nacht, op.17 n.4; pensato originalmente per sole voci virili, presenta una tematica (quella appunto della Notte) fra le più frequentate dalla cultura romantica, in letteratura come nelle arti figurative o in musica (Schubert stesso scrisse altri 2 Lieder con il medesimo titolo). Strutturato in forma strofica, musicalmente rappresenta un’ulteriore prova della straordinaria e miracolosa immediatezza melodica schubertiana; la sua presenza in un Concerto di Natale è sostanziata dal fatto che il morbido ritmo di barcarola e svariate assonanze nel testo tedesco la avvicinano fortemente a Stille Nacht, la cui data di composizione è tra l’altro di poco precedente.

La seconda parte del concerto consiste in una antologia delle melodie natalizie più popolari e più amate, che testimoniano significativamente la presenza di questa forma musicale di devozione in tutta Europa e fuori dal continente: accanto a quella nordamericana (White Christmas), si attinge alla tradizione musicale francese (Holy Night, di Adam), irlandese (Adeste Fideles, di Wade), italiana (Tu scendi dalle stelle) e tedesca (con Süsser die Glocken, di Kritzinger, e Hark! The Herald Angels Sing di Mendelssohn, anche se la melodia di quest’ultima fu in realtà composta per una Cantata che celebrava l’invenzione della stampa a caratteri mobili…). Proprio di Mendelssohn è l’unico brano non natalizio della seconda parte: O for the wings of a dove costituisce la seconda sezione di un lavoro più vasto, intitolato Hear my Prayer, in cui le parole del Salmo 55 vengono affidate alla dolcissima perorazione del soprano solista, sostenuta e contrappuntata da parte del coro con interventi in sobrio e lineare stile imitativo.

Condividi su...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>