Sabato 3 novembre 2012 – programma

Sabato 3 novembre 2012, ore 21:00
Sassuolo, Duomo di San Giorgio

REQUIEM DI GABRIEL FAURÉ
In memoria di Alberto Montanari ad un anno dalla scomparsa


J. S. Bach
(1685-1750)                  Jesu bleibet meine Freude, BWV 147

F. Mendelssohn (1809-1847)     Beati Mortui, op.115 n.1                                                                                                                      O for the wings of a dove

F. Liszt (1811-1886)                       Der Herr bewahret die Seelen

F. Saguatti (1960 *)                       Popule meus

G. Fauré (1845-1924)                    Cantique de Jean Racine                                                                                                                      Requiem op.48:                                                                                                                                        I. Introït et Kyrie                                                                                                                                  II. Offertoire                                                                                                                                          III. Sanctus                                                                                                                                            IV. Pie Jesu                                                                                                                                            V. Agnus Dei                                                                                                                                          VI. Libera me                                                                                                                                        VII. In Paradisum


CORALE “G. PUCCINI”
di Sassuolo
YORIKO OKAI, soprano
ROBERTO SCALTRITI, baritono
SIMONE GUAITOLI, organista
ANDREA PEDRAZZI, GIANMARCO MALAGOLI, trombe
MICHELE MODESTO GADIOLI, ANNA VITTORIA ZANARDI, fagotti
GIUSEPPE ZECCA, FABIO VECCHI, MASSIMILIANO MARCHITIELLO, tromboni
PASQUALE REALE, EMILIANO FRONDI, MICHELE PO’, corni
MONICA TURONI, arpa
MATTEO ROVATTI, timpani
FRANCESCO SAGUATTI, direttore


Note al programma,
a cura di Simone Guaitoli:

Spesso il modo migliore per comprendere pienamente la genesi e le caratteristiche estetiche di un’opera musicale consiste nell’affidarsi alle parole stesse del compositore e alle sue dichiarazioni di poetica. Fauré ad esempio scrive: “E’ stato detto che il mio Requiem non esprime la paura della morte e qualcuno lo ha definito una ninna-nanna funebre. Ma è esattamente così che io concepisco la morte: una liberazione serena, un’aspirazione verso la felicità nell’aldilà, piuttosto che un’esperienza dolorosa”. Il Requiem op.48 di Fauré fu oggetto fin dalla sua prima esecuzione di svariate speculazioni critiche volte ad indagarne il carattere di inedita luminosità, trattandosi di una Messa per il rito dei defunti (e specialmente a paragone con le composizioni analoghe di Mozart, Verdi e Cherubini), ma paradossalmente l’aspetto che più colpisce è l’assoluta coerenza con il resto della produzione del compositore francese. A dispetto del proprio blasonato ruolo di direttore per 15 anni (dal 1905 al 1920) del Conservatorio di Parigi, Fauré si trovò sempre piuttosto a disagio con la “grande forma” consacrata dalla tradizione classico-romantica e preferì ritagliarsi il ruolo di poeta delle piccole cose, dai brevi pezzi di carattere per pianoforte alle romanze vocali, genere che gli valse l’ammirazione appassionata di Marcel Proust. Significativamente, anche il Requiem nacque tra il 1887 e il 1888 come lavoro sostanzialmente cameristico (e più breve dell’attuale versione, visto che l’Offertorium e il Libera me furono aggiunti in un momento successivo) e fu solo una decina di anni più tardi che Fauré, cedendo alle insistenze del suo editore Hamelle, rivide e ampliò l’orchestrazione dandole un carattere pienamente “sinfonico”. L’impostazione assolutamente antiretorica e l’approccio pudico, quasi riservato, al tema della morte, emergono da precise scelte musicali e dagli interventi sul testo liturgico: la partitura è caratterizzata nel suo complesso da sonorità morbide e contenute, stacchi di tempo moderati e omogenei in tutte e sette le sezioni, rari sono i momenti di potenza sonora e di grande incisività ritmica. Fauré inoltre decise di non musicare il Dies irae e il Tuba mirum (momenti solitamente di grande impatto drammatico) e invece scelse di introdurre il Pie Jesu e la luminosissima immagine del coro angelico del brano finale, In Paradisum. Proprio le battute conclusive sono indicative della visione (poetica, musicale e profondamente umana) del compositore: l’ultima parola, “requiem”, oltre che chiudere circolarmente l’opera in un’atmosfera di dolcezza trasfigurata, suggella ulteriormente il concetto (insieme consolatorio e pienamente cristiano, nonostante Fauré fosse sostanzialmente agnostico) della morte come eterno riposo.

Il Requiem di Fauré è preceduto da una selezione di brani sacri che testimoniano la costante presenza della spiritualità in musica, attraverso un excursus in quasi tre secoli di produzione compositiva. L’apertura non poteva che essere nel nome di Bach: il celebre Jesu bleibet meine Freude, che chiude la prima parte della Cantata n.147 (composta nel 1723 per la festività della Visitazione della Vergine) è uno dei corali più eseguiti di tutti i tempi, esempio di rigore e maestria nel trattamento delle parti vocali. Le due composizioni di Felix Mendelssohn in programma tratteggiano con evidenza una delle qualità tradizionalmente riconosciuta al compositore tedesco: l’immediatezza e la felice naturalezza della linea melodica. Questa caratteristica è straordinariamente evidente in O for the wings of a dove, in cui la voce del soprano descrive una morbida melopea di grande dolcezza e sorprendente modernità, mentre in Beati Mortui (primo dei Due cori sacri op.115, originalmente scritti per sole voci virili) la scorrevolezza assume le forme di un severo e omoritmico corale a quattro parti. Segue poi il sontuoso Der Herr bewahret, prototipo del tardo stile lisztiano, in cui la polifonia elementare (spesso a due voci quando non all’unisono) è in realtà subordinata al potente impatto sonoro conferito dalle percussioni e dalla brillantezza dei fiati. Popule meus è la più recente composizione del Maestro Francesco Saguatti, direttore della Scuola Corale “G. Puccini”: basato sul drammatico testo degli improperi che Gesù rivolge agli ebrei dalla croce, il brano mette plasticamente in evidenza i riferimenti principali dello stile musicale di Saguatti, che si richiama al rigore aulico del canto gregoriano, filtrato attraverso una coscienza armonica pienamente moderna. Il brano con cui si conclude la prima parte del concerto, il Cantique de Jean Racine, fornisce allo stesso tempo un’anticipazione delle raffinate atmosfere del Requiem: composto da un Fauré diciannovenne nel 1864, utilizza come testo una parafrasi di Racine dell’inno Consors paterni luminis e unisce significativamente la morbidezza della scrittura musicale alla profondità dell’ispirazione spirituale.

Condividi su...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>