Sabato 21 dicembre 2013 – programma

Sabato 21 dicembre 2013, ore 21:00
Sassuolo, Duomo di S. Giorgio

CONCERTO DI NATALE


G. Rossini
(1792-1868)           Petite Messe Solennelle                                                                                                                            1 Kyrie                                                                                                                                                  2 Gloria                                                                                                                                                    Gloria in excelsis Deo                                                                                                                          Et in terra pax                                                                                                                                      Gratias agimus tibi                                                                                                                              Domine Deus                                                                                                                                        Qui Tollis                                                                                                                                                Quoniam                                                                                                                                                Cum Sancto Spiritu                                                                                                                          3 Credo                                                                                                                                                     Credo                                                                                                                                                      Crucifixus                                                                                                                                              Et resurrexit                                                                                                                                          Et vitam venturi                                                                                                                              4 Offertorium                                                                                                                                        Prélude religieux                                                                                                                              5 Sanctus                                                                                                                                            6 O salutaris hostia                                                                                                                        7 Agnus Dei

Autori vari                                      Fantasia di brani natalizi per coro, due pianoforti e           arr. F. Saguatti                              armonium


CORALE “G. PUCCINI”
di Sassuolo
VALENTINA MEDICI, soprano
BENEDETTA ORSI, contralto
GIOVANNI COLETTA, tenore
CARLO BONARELLI, basso
ARMANDO SAIELLI, pianoforte
SIMONE GUAITOLI, pianoforte
MATTEO MALAGOLI, armonium
FRANCESCO SAGUATTI, direttore
Con la partecipazione del coro “Puccini Junior”, diretto da VERONICA ZAMPIERI


Note al programma, a cura di Simone Guaitoli:

Partiamo innanzitutto dal titolo: Rossini, con sibillino (e deliberato) gusto per il paradosso, accosta due termini – petite e solennelle – apparentemente in palese contraddizione; i due aggettivi in realtà rappresentano la descrizione più efficace e precisa possibile della Messa, delle sue caratteristiche più evidenti ma anche dei suoi fondamenti
estetici.
La composizione rossiniana è infatti ‘solenne’ perché mette in musica in maniera adeguata (con l’ utilizzo di solisti, coro e strumenti) tutte le parti dell’Ordinario della liturgia ed è ‘petite’ non in ragione della sua lunghezza, ma perché è pensata per un numero ristretto di esecutori: 4 voci soliste, 8 coristi (‘per un totale di 12 cherubini’ , secondo la celebre prefazione che il compositore stesso scrisse sulla seconda pagina del manoscritto), 2 pianisti e un organista all’ armonium: 15 elementi in tutto, in sostanza una Messa da camera.
E infatti proprio in una camera ebbe luogo la sua prima esecuzione, nel marzo del 1864 (l’anno successivo alla composizione, che impegnò Rossini per due mesi durante l’estate del 1863) : nello specifico, nel salotto della nuova lussuosa casa parigina dei banchieri Pillet-Will, amici di lunga data del compositore, in occasione della consacrazione della cappella privata della famiglia.
L’esecuzione venne preceduta da una prova generale a cui Rossini presenziò in qualità di voltapagine e venne replicata una sola volta, l’anno successivo alla ‘prima’, nel medesimo luogo e con la partecipazione degli stessi esecutori, dopodiché il manoscritto della Petite andò ad aggiungersi al novero delle composizioni rossiniane inedite e non vi furono più esecuzioni pubbliche della Messa fino alla morte del compositore.
La notizia che Gioachino Rossini, che si era ritirato dalla vita teatrale ormai da più di
trent’anni e che da allora viveva in un riserbo quasi totale, aveva intrapreso un lavoro di grande impegno come la composizione di una Messa, aveva sortito l’effetto di far entrare in fibrillazione il mondo musicale parigino; per di più, il gran clamore suscitato sulla stampa dall’esecuzione trionfale a casa Pillet-Will (davanti a un uditorio ristretto ma selezionatissimo, che comprendeva vari compositori – come Meyerbeer e Auber –, l’ambasciatore turco e il nunzio apostolico Flavio Chigi) nonché le pressioni che gli giunsero da più parti, convinsero Rossini a tornare sulla Petite Messe per approntarne l’orchestrazione. Il compositore si rendeva benissimo conto che la strumentazione della sua Messa per due pianoforti e armonium le precludeva la possibilità di essere eseguita in chiesa, luogo sicuramente più appropriato per un lavoro di così potente ispirazione religiosa (e oltretutto assolutamente preciso e rigoroso dal punto di vista strettamente liturgico come da quello formale e strutturale); orchestrare la Petite invece avrebbe certamente significato schiuderle le porte di una grande basilica.
Il problema insormontabile per Rossini era che una bolla papale proibiva ancora a metà ‘800 la promiscuità tra uomini e donne nelle cantorie delle chiese cattoliche, quindi le parti di soprano e di contralto avrebbero dovuto essere affidate alle voci bianche di ragazzini dai 9 ai 14 anni che Rossini riteneva avessero ‘voci acetose e per lo più stonate’. L’orchestrazione della Petite Messe Solennelle venne dunque realizzata senza particolare convinzione e soprattutto senza lo stimolo di un’esigenza estetica o musicale (sostanzialmente Rossini la scrisse per evitare che qualcun altro vi mettesse mano dopo la sua morte) e il risultato fu infatti quello di un lavoro ben fatto ma piuttosto accademico: il compositore stesso, secondo quanto disse al contralto Barbara
Marchisio (la quale aveva fatto parte del quartetto di solisti in occasione dell’esecuzione dai Pillet-Will) preferiva la versione originale della sua Messa.
La strumentazione con i due pianoforti e l’armonium tra l’altro non fu una pura decisione dettata dalla ricerca di comodità e di economicità dell’allestimento, ma si fondava su un pensiero musicale assolutamente meditato: da una parte si collocava nel solco di una produzione tipicamente francese di oratori e composizioni sacre da camera (senza contare i numerosi lavori lisztiani di ispirazione religiosa che vedono le voci accompagnate da pianoforte, armonium o arpa), mentre dall’altra rappresentava l’esito più compiuto del lavoro di approfondimento e di riflessione sulla scrittura per pianoforte svolto da Rossini negli anni successivi al suo trasferimento definitivo a Parigi (1855), condensato in moltissime pagine raccolte poi nei 14 volumi dei Péchés de vieillesse.
L’aspetto più peculiare della Petite non risiede infatti nell’audacia di certe soluzioni armoniche inusitate e nemmeno nell’accostamento e nella compresenza di stili che
rinviano a linguaggi musicali molto distanti (dal severo doppio canone ‘alla Palestrina’
del Christe alle suggestioni beethoveniane dei due fugati corali, alle palesi reminiscenze
bachiane del Prélude religieux, pagina che anche César Franck dimostrerà di avere ben presente). Ciò che rimane impresso della Messa rossiniana fin dal primo ascolto è invece la
sua particolarissima dimensione timbrica, che accosta il suono asciutto e definito dei
pianoforti a quello un po’ acidulo dell’ armonium in una combinazione che, come giustamente rileva Rattalino, neutralizza qualsiasi romantica ricerca dell’impasto e
dell’amalgama, e le cui suggestioni si ritroveranno non nella morbida pienezza della
sonorità ottocentesca, ma solamente in certa produzione importante del secolo scorso, come ad esempio nel neoclassicismo delle Noces di Stravinskij.

Condividi su...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>