Sabato 19 dicembre 2015 – programma

Sabato 19 dicembre 2015, ore 21:00
Sassuolo, Duomo di S. Giorgio

Locandina Puccini 2015 (1)-page-001CONCERTO DI NATALE
GLORIA IN EXCELSIS DEO

Da Gounod a Puccini, da Poulenc a Rachmaninov

 

G. Puccini (1858-1924)                      da Messa di Gloria:                                                                                                                                 Gloria in excelsis Deo                                                                                                                           Laudamus te                                                                                                                                         Gratias agimus tibi                                                                                                                               Gloria in excelsis Deo

F. Saguatti (1960*)                             Gloria                                                                                                                                                      Misericordias Domini

S. Rachmaninov (1873-1943)          dai Sei duetti op.11 per pianoforte a quattro mani:                                                                             Slava (Gloria) [con la collaborazione di Maria Ada                                                                              Casali]                                                                                                                                            Bogoroditsye Dyevo (Ave Maria)

F. Poulenc (1899-1963)                      dal Gloria:                                                                                                                                                  Gloria in excelsis Deo                                                                                                                          Laudamus te                                                                                                                                      O Magnum Mysterium

C. Gounod (1818-1893)                       da Messe solennelle de Sainte Cecile:                                                                                                     Gloria

J. Rutter (1945*)                                   Nativity Carol                                                                                                                                       Christmas Lullaby                                                                                                                               Angel’s Carol                                                                                                                                         All thinghs bright and beautiful                                                                                                         Star Carol

G. F. Händel (arr. J. Rutter)             Joy to the World

J. Wade (arr. S. Mercurio)                 Adeste fideles


CORALE “G. PUCCINI”
di Sassuolo
YORIKO OKAI, soprano
GIOVANNI COLETTA, tenore
RICCARDO DI STEFANO, basso
SIMONE GUAITOLI, pianoforte
Con la partecipazione del coro “Puccini Junior”, diretto da VERONICA ZAMPIERI
FRANCESCO SAGUATTI, direttore
ENSEMBLE STRUMENTALE “G. PUCCINI”:
Sara Ferrari
, Emilio Ruini, oboi
Davide Ferrari
, Agnese Ducati, clarinetti
Elena Roveda
, Enrico De Bassa, flauti
Carlo Baroni
, Andras Ballas, corni
Giulio Bocchi
, Evelina Le Rose, fagotti
Irene Monari
, Gian Marco Malagoli, trombe
Elisa Sala
, timpani

Scarica la Locandina del Concerto di Natale 2015
Scarica il Programma di sala del Concerto di Natale 2015


Note al programma
, a cura di Simone Guaitoli

Delle cinque sezioni che costituiscono l’Ordinario della Messa, il Gloria in excelsis ha sempre goduto non solo di maggiore autonomia e di una sorta di “emancipazione” musicale rispetto a Kyrie, Credo, Sanctus e Agnus Dei (le altre parti dell’Ordinarium), ma anche di indiscutibile rilevanza per ciò che concerne strettamente la liturgia. Nato probabilmente intorno al II-III secolo sul modello degli antichi salmi biblici, all’epoca della sua in­troduzione il Gloria poteva infatti essere intonato solo dal papa; dovette passare qualche se­colo perché tale privilegio passasse dapprima ai vescovi e quindi ai presbiteri, che in un primo momento potevano cantarlo solo in occasione di particolari solennità (durante la Messa di Pasqua o nel giorno della loro ordinazione sacerdotale) e infine, dall’XI secolo, tutte le domeniche e nelle feste principali, ad eccezione dei periodi di Avvento e Quaresima.
In ragione dell’importanza e della lunghezza del testo, le Messe gregoriane riservarono al Gloria uno stile di intonazione sillabico che ne agevolasse l’intelligibilità e la comprensibili­tà; dal periodo barocco e in particolare durante il Romanticismo, l’hymnus angelicus assunse poi dimensioni poderose, diventando il centro emotivo e musicale della Messa, suddiviso in sezioni con l’impiego di strumenti concertanti e la presenza di cantanti solisti che, in alternanza con le pagine corali, svolgevano un efficace ruolo di contrasto e assecondavano una certa impronta teatrale che le composizioni sacre di grandi dimensioni assunsero grosso modo dalla metà dell’Ottocento in avanti.
Tra i brani proposti dalla Corale Puccini, il Gloria in cui tale richiamo alla dimensione tea­trale risulta più evidente è senza dubbio quello tratto dalla Messe solennelle de Sainte-Céci­le di Gounod: le battute iniziali, con l’etereo assolo di soprano sostenuto dal coro a bocca chiusa, e soprattutto il patetico terzetto centrale contrappuntato dagli interventi dell’oboe, sa­rebbero forse più adatti a un palcoscenico operistico piuttosto che alla navata di una catte­drale. I passaggi corali del Laudamus Te e del Quoniam, marcati “Allegro pomposo”, dalla scrittura sostanzialmente omoritmica a parte qualche sobrio spunto imitativo, offrono invece a Gounod l’occasione per sfruttare ampiamente la tavolozza timbrica dell’orchestra romanti­ca e per dare fondo a tutta una serie di ricercatezze armoniche, come le inconsuete progres­sioni cromatiche delle battute conclusive. Gli stilemi musicali tipici del Gloria (modo mag­giore, luminosità trionfante, incisività ritmica, direzionalità melodica verso l’alto) sono ben presenti nei pezzi in programma di Rachmaninov e Saguatti: il brano del compositore rus­so, curioso esempio di Gloria strumentale, funge da spettacolare chiusura dei 6 Pezzi op.11 per pianoforte a quattro mani e unisce la potente retorica celebrativa del tema, già utilizzato da Musorgskij nella scena dell’incoronazione del Boris Godunov, con la ieratica solennità dello stile liturgico ortodosso. Il Gloria del M° Saguatti, composto nel 2015 ed eseguito per la prima volta in questa occasione in versione da concerto con un’apposita orchestrazione per pianoforte e ensemble di fiati, è strutturato in una sorta di forma-rondò il cui elemento unificante è costituito dal grandioso inciso iniziale, al quale si alternano le strofe assegnate alle diverse sezioni della compagine corale e gli squillanti interventi del soprano solista.
I due Gloria che completano il programma condividono un approccio decisamente più gio­coso: quello pucciniano tratto dalla Messa di Gloria (titolo apocrifo comparso sulla prima edizione a stampa nel 1951, una settantina d’anni dopo la composizione dell’opera) attacca con una festosità angelica e quasi fanciullesca e ha un caratteristico profilo discendente che ricorda il passo analogo della Messa di Gran di Franz Liszt; al clima di candida gioiosità fa da contrasto il lirico Gratias del tenore, straordinario esempio di come Puccini avesse maturato già a vent’anni quella personale vena melodica che sarebbe fiorita nella successiva produzione operistica. Dell’ispirazione quasi ludica del Gloria di Poulenc abbiamo notizia invece dal compositore stesso: replicando alle critiche che gli venivano mosse per il tono irriverente e quasi da avanspettacolo del Laudamus Te, Poulenc rispondeva di aver preso spunto da certi affreschi di Benozzo Gozzoli in cui si vedono degli angioletti che (apparentemente) si fanno le linguacce e dalla scena di alcuni austeri monaci benedettini che lui stesso aveva visto scatenarsi durante una partita di calcio. In realtà il Gloria di Poulenc è un lavoro ben più complesso e problematico di quanto questa citazione potrebbe far immaginare, ricco di contrasti e di deviazioni inaspettate, specchio delle contraddizioni e della personalità del suo autore; il richiamo a una dimensione di gioia liberatoria è però a suo modo molto “serio”, quasi un invito a recuperare pienamente un aspetto della religiosità troppo poco vissuto e spesso rimosso perché ritenuto irrispettoso o sconveniente.

Condividi su...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>