Sabato 20 dicembre 2014 – programma

Sabato 20 dicembre 2014, ore 21:00
Sassuolo, Duomo di S.Giorgio

image-1CONCERTO DI NATALE
Felix Mendelssohn Bartholdy
Le vie del Sacro


W. A. Mozart (1756-1791)               Ave Verum Corpus KV 618                                                                                                                 Laudate Dominum, da Vesperae solemnes de                                                                                     confessore KV 339                                                                                                                           Andante KV 616

F. Mendelssohn (1809-1847)        Ave Maria a 8 voci, op.23 n.2                                                                                                            Hear My Prayer MVW B49                                                                                                                Preludio e Fuga in mi minore, op.35 n.1                                                                                            Hymne & Fugue op.96:                                                                                                                              Laß, o Herr, mich                                                                                                                                  Deines Kind’s Gebet erhore                                                                                                                Herr, wir trau’n auf deine Gute                                                                                                          Fugue

Fantasia di brani natalizi per coro, pianoforte e strumenti con improvvisazioni organistiche:

F. Mendelssohn Bartholdy         Hark!The Herald angels sing

F. Gruber (1787-1863) /                  Stille Nacht                                                                             elab. F. Saguatti

A. M. dé Liguori (1696-1787)        Tu scendi dalle stelle

J. Wade (1710-1786) /                     Adeste Fideles
elab. F. Saguatti 

A. Adam (1803-1856)                      Oh Holy night


CORALE “G. PUCCINI”
 di Sassuolo
FRANCESCA PROVVISIONATO, mezzosoprano
RICCARDO CASTAGNETTI, organo
SIMONE GUAITOLI, pianoforte
FRANCESCO SAGUATTI, direttore
ENSEMBLE “G. PUCCINI”:
Sara Ferrari, Isabella Consoli, oboi
Davide Ferrari, Agnese Ducati, clarinetti
Elena Roveda, Maria Beatrice Galavotti, flauti
Pasquale Reale, Michele Pò, corni
Giulio Bocchi, Evelina Le Rose, fagotti
Irene Monari, Pamela Frontini, trombe
Athos Bovi, timpani

Scarica la Locandina del Concerto di Natale 2014
Scarica il Programma di sala del Concerto di Natale 2014


Felix Mendelssohn Bartholdy - «Le vie del sacro»

a cura di Simone Guaitoli

La fama attuale di Felix Mendelssohn si basa in massima parte sul successo di alcune
pagine sinfoniche o concertistiche particolarmente celebri (la Scozzese e l’Italiana sono ormai entrate nel novero dei brani orchestrali di grande repertorio e il Concerto per violino
in mi minore è fra i più amati in pari misura da virtuosi e pubblico per ispirazione melodica
ed equilibrio apollineo). Pochi quindi immaginerebbero che fu invece la produzione
sacra mendelssohniana (e in particolare i due oratori Paulus ed Elias) che permise
al compositore di diventare, in vita, una delle personalità musicali più influenti a livello europeo (segnatamente, in ambito tedesco e inglese).
Il Paulus, terminato nel 1836, ebbe fin da subito straordinari riscontri e, dopo essere stato eseguito in tutta Europa, fu onorato anche di tre rappresentazioni negli Stati Uniti (a New York, Boston e Baltimora); Elias godette invece soprattutto di fama postuma, essendo stato composto l’anno prima della morte di Felix su commissione del Festival di Birmingham (in occasione del quale ebbe, ça va sans dire, un trionfo senza precedenti).
La musica di ispirazione religiosa occupa però nel suo complesso una posizione di estrema rilevanza all’interno della parabola creativa di Mendelssohn, dagli anni della prima adolescenza fino, appunto, agli ultimi mesi di produzione compositiva, e trova un riscontro particolarmente pregnante sia nella grande consapevolezza storica di Felix (forgiata specialmente dai suoi studi sul repertorio di Bach e Händel), sia, a un livello più generale, nella questione molto dibattuta della stessa identità religiosa del compositore.
Rampollo di una delle famiglie di religione ebraica più in vista di tutta la Germania, battezzato cristianamente per volontà dei genitori all’età di 7 anni, Mendelssohn, secondo le testimonianze di amici e contemporanei, aderì in modo convinto alla confessione
protestante e, illuministicamente, considerò sempre la musica sacra come un veicolo potente di rinnovamento ed elevazione etica e spirituale della società.
In questo senso, si può ben dire che Felix esplorò, come riporta il titolo del Concerto di Natale tutte le ‘Vie del Sacro’, anche dal punto di vista musicale: attinse abbondantemente
alla tradizione luterana-protestante (con le giovanili Choralkantaten fortemente debitrici verso il modello bachiano, senza considerare l’utilizzo pervasivo che fece del Corale, persino nelle sue composizioni strumentali), a quella di ispirazione cattolica (ad esempio con l’Ave
Maria a 8 voci op.23 n.2, del 1830, in cui lo stile severo ‘alla Palestrina’ si mescola con le suggestioni stimolate a Felix dal coevo viaggio in Italia), e in modo piuttosto consistente
anche a quella inglese. Questo è un punto interessante: Mendelssohn visitò l’Inghilterra 9 volte, per motivi di lavoro o di viaggio personale, e il suo affetto venne ricambiato dal pubblico e dalle istituzioni inglesi (finanche dalla regina Vittoria) con un’adorazione incondizionata. Felix omaggiò ripetutamente la tradizione sacra anglicana scrivendo alcune composizioni della piena maturità secondo lo stile dell’anthem, la forma musicale religiosa
inglese per eccellenza, impostata secondo un impianto responsoriale, alternando cioè frasi del solista ad altre esposte dalla compagine corale nel suo complesso.
Entrambi i lavori che costituiscono il nucleo centrale del concerto sono ad esempio scritti nella forma dell’anthem: Hear my prayer mette in musica le parole del Salmo LV liberamente parafrasate da William Bartholomew; il brano è di struttura bipartita ed è caratterizzato da un’alternanza netta tra la drammaticità tesa della prima parte e la morbidezza delle terzine della seconda sezione, che conobbe un notevole successo in epoca vittoriana. Anche gli Hymne op.96 seguono lo stesso impianto responsoriale, con la parte solista affidata alla voce di mezzosoprano; la genesi del pezzo è piuttosto curiosa e nasce
dalla commissione giunta a Mendelssohn da parte di un letterato dilettante inglese, Charles Broadley, di musicare alcune sue traduzioni di Salmi della Bibbia. Il compositore, tra quelli proposti, scelse il Salmo XIII e ne realizzò una versione per solo, coro e accompagnamento d’organo che consta di tre brani, complessivamente intitolati in tedesco Drei Geistliche Lieder: un tenero Andante introduttivo, un rigoroso Corale omoritmico in stile luterano e un Vivace finale melodicamente immediato e dalla scrittura sobriamente imitativa.
Mendelssohn, a dispetto del proprio atteggiamento sempre autocritico, fu piuttosto
soddisfatto del lavoro e quando gli venne richiesto, sempre da Broadley, di orchestrarlo,
aggiunse, a mo’ di cadeau, una Fuga conclusiva (di grande effetto nonostante lo stile un po’ accademico) il cui testo è basato sui versi finali della parafrasi inglese del Salmo: la versione orchestrale dei 4 pezzi è stata quindi pubblicata postuma come op.96.
Attraverso la musica, e in particolare quella sacra, è evidente l’aspirazione di Mendelssohn
a trovare punti di contatto tra le diverse religioni in una visione ideale di armonia e fraternità, a costruire, nelle parole di Botstein, «ponti tra l’ebraismo e la cristianità, tra la sua infanzia e la sua età adulta, [...con l’auspicio che] le storiche divisioni tra ebrei e cristiani potessero essere appianate»: in questo messaggio di utopia si trova la grande eredità lasciataci dall’ultimo (e forse dal più profondo) degli illuministi della musica.

Condividi su...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>