Sabato 1 novembre 2008 – programma

Sabato 1 novembre 2008, ore 21:00
Sassuolo, Duomo di S. Giorgio

REQUIEM DI JOHN RUTTER per soprano, coro e orchestra
Versione per organo ed ensemble orchestrale


G. Puccini
 (1858-1924)             Requiem, per coro, organo e viola sola                                                                                               Salve Regina                                                                                                                                         Ave Maria, da “Suor Angelica”

G. Fauré (1845-1924)                 Pie Jesu, dal Requiem op.48

A. Padovano (1915-1992)         Berceuse per arpa e flauto

F. Saguatti (1960 *)                   Adoramus Te Christe                                                                                                                           Stabat Mater

J. Rutter (1945 *)                        Requiem:                                                                                                                                                   Requiem aeternam                                                                                                                               Psalm 130: Out of the deep                                                                                                                 Pie Jesu                                                                                                                                                 Sanctus – Benedictus                                                                                                                           Agnus Dei                                                                                                                                               Psalm 23: The Lord is my shepherd                                                                                                 Lux aeterna


CORALE “G. PUCCINI”
 di Sassuolo
YORIKO OKAI, soprano
LUCA POLLASTRI, organo
DAVIDE BURANI, arpa
GIOVANNI MAREGGINI, flauto
ANDREA MAINI, viola
MIRIAM MORETTI, oboe
PAOLO BALDANI, cello
ATHOS BOVI, timpani
FRANCESCO SAGUATTI, direttore

Note al programma

Accostarsi alla figura del compositore John Rutter (classe 1945) significa in qualche modo confrontarsi con gli ultimi quarant’anni della storia musicale sacra inglese, attraverso i suoi esponenti di maggior spicco e le sue prestigiose compagini corali. Cresciuto vocalmente nella Highgate School di Londra, in qualità di corista il giovane Rutter prese parte nel 1963 alla storica incisione del War Requiem di Britten, sotto la direzione dello stesso autore; compagno di studi del compositore John Tavener, entrò a far parte del blasonato Clare College di Cambridge, di cui assunse la direzione musicale a partire dal 1975. Nel contempo cominciò a dedicarsi a un’appassionata attività creativa, sfociata da un lato nella raccolta e nella scrittura di carole natalizie, dall’altro nella stesura di lavori di rilevante successo, come il Gloria e il Requiem; quest’ultimo, terminato nel 1985 e dedicato alla memoria del padre, nei primi sei mesi dalla pubblicazione conobbe più di cinquecento esecuzioni solo negli Stati Uniti d’America, dove risuonò anche durante le commemorazioni ufficiali all’indomani dell’attentato dell’11 settembre 2001.

La partitura – «un Requiem per i nostri tempi», nell’intenzione dello stesso Rutter – fu contemporaneamente concepita in un’ampia versione orchestrale e in un adattamento cameristico, maggiormente adatto a un utilizzo in ambito liturgico; in questa più intima e raccolta trasposizione il Requiem è stato registrato per la prima volta dal Coro del Clare College di Cambridge e da alcuni membri della compagine orchestrale della City of London Sinfonia guidati da Tim Brown (cd pubblicato da Naxos e distribuito da Ducale). Una pagina a cui la solida costruzione ad arco chiuso conferisce una profonda uniformità d’intenti musicali ed espressivi; un’organicità ottenuta attraverso una simmetria speculare incorniciata dall’intervento solenne dei timpani, che scandiscono una sorta di marcia funebre nell’iniziale Requiem aeternam, per poi riecheggiare nell’alone mistico del Lux aeterna finale. Un’opera condotta all’insegna della più semplice e assoluta linearità melodica, dove anche rigore e perfezione tecnica identificano la propria ragion d’essere in un senso di avvolgente bellezza e luminosa spiritualità.

Condividi su...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>